immagine di I testimoni - S
I testimoni - S  
 

Descrizione


sede
Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale

segnatura
Magliabechiano VI. 143

luogo


data
Sec. XIV (metà)

contenuto
cc. 4r-18v [1r-15v] Vita Nova (inc. c.4r [1r]: "Incipit illibro della nuoua uita di date"; expl. c. 18v [15v]: "Explicit liber noue uite dantis")
c. 19r [16r]: "Donna mi priegha p(er) chio uoglio dire"
c. 19r [16r]: "Poi che didoglia cor co(n)uien chi porti"
c. 19r [16r]: "I non pensai che locor gia mai"
c. 19v [16v]: "A homo che cognosce tegno chaggia ardire"
c. 19v [16v]: "Cosi nel mio parlare uoglo essere aspro"
c. 20r [17r]: "Amor tu uedi ben che questa donna"
c. 20v [17v]: "Io sento si damore la gran possanza"
c. 21r [18r]: "Io son uenuto alpuncto della rota"
c. 21v [18v]:"E mincresce dime siduram(en)te"
c. 22r [19r]: "Poscia chamor deltutto ma lasciato"
c. 22v [19v]: "Ladispietata m(en)te che pur mira"
c. 22v [19v]: "Tre donne intorno alcor mison uenute"
c. 23r [20r]: "Doglia mi recha nelcor ardire"
c. 24r [21r]: "Voi chente(n)[den]do ilt(er)zo ciel mouete"
c. 24r [21r]: "Le dolce rime damor chio solia"
c. 25r [22r]: "Amor che nella mente miragiona"
c. 25r [22r]: "Al poco giorno et al granciercho dombra"
c. 25v [22v]: "Amor che muoui tua u(er)tu dalcielo"
c. 25v [23r]: "Amor poi che conuien pur chio mi dolgla"
c. 26r [23r]: "Eran quel giorno che lalta reina"
c. 26v [23v]: "Voi che intende(n)do ilt(er)zo ciel mouete"
c. 27r [24r]: "[Contra coloro che disiderano innamorare]. Magnificando amore p[er]lo te(m)po passato
c. 27r [24r]: "A fine diriposo sempre affano"
c. 27v [24v]: "bindo bonichi. Mostraci ilcielo pro et dacci damno"
c. 27v [24v]: "E mostra cenni che follia tadestri"
c. 27v [24v]: "Meser cino Dante quando p(er) caso sabandona"
c. 27v [24v]: "Dante. Io sono stato conamore insieme"
c. 28r [25r]: "Dante Per chio no(n) truouo chi comeco ragioni"
c. 28r [25r]: "Meser cino Dante ino(n) so in qual arbergo suoni"
c. 28r [25r]: "Cenni chi a uoler poder non aue"

supporto
Membranaceo

fogli
Cc. II (cartacee, in formato minore), 25*
Carte bianche: 1v-3v; 28v-29v*
Mm. 313x233

fascicolazione
Fascicolo I: trierno (6 cc.)
Fascicolo II: quaderno (8 cc.)
Fascicolo III: quaderno, di cui è stata tagliata l'ultima carta (7 cc.)
Fascicolo IV: duerno (4 cc.)

specchio
A due colonne le cc. 4-6, fine 27r e ss., le rime di Vita Nova. A rigo pieno, con i versi in colonna (tranne le rime di Vita Nova), le cc. 7r-27r.

mani
Un'unica mano calligrafica. Scrittura leggermente diversa, più serrata, in inchiostro più scuro, alle cc. 25-28, forse copiate successivamente da fonte diversa.
Correzioni e integrazioni di mano più tarda, imitativa.

decorazione
Rubrica rossa e grande iniziale rossa con fregi azzurri a c. 4r. Altre iniziali rosse.
Vita Nova ha iniziali miniate più piccole ai capoversi delle poesie e al riprendere della prosa. Cfr. VN¹, p. XXXII.

legatura
Moderna in cartone rivestito di pergamena.

numerazione
Numerazione moderna complessiva, in basso a sinistra: cc. 1-29. Numerazione antica, in alto a destra: cc. 1-26, a partire dalla seconda carta membranacea, cioè da c. 4r moderna.

marginalia


storia
Il codice è detto Strozziano perché appartenne alla biblioteca di Carlo di Tommaso Strozzi (in f°. n° 259, già 24). A c. 1r, si legge, di mano del sec. XVII, "Del Sen. Carlo di Tommaso Strozzi, 1670".

bibliografia
Barbi, VN¹ = Opere minori di Dante Alighieri: La Vita Nuova, per cura di M. Barbi, Firenze, Società Dantesca Italiana, 1907, descr. pp. XXX-XXXII; class. pp. CCXXXVIII-CCXLV.
Barbi, VN² = VN² = La Vita Nuova di Dante Alighieri, edizione critica per cura di M. Barbi, Firenze, Bemporad, 1932, descr. pp. XXXIV-XXXVI; class. pp. CCLIX-CCLXVI.
D. De Robertis, Censimento dei manoscritti di rime di Dante, in "Studi Danteschi", XXXVI (1959), pp. 200-201 (descrizione e bibliografia).

Riproduzioni:
Vita Nova riprodotta in Dante Alighieri, La Vita Nuova secondo la lezione del cod. Strozziano VI. 143, a cura di G. Passerini, Torino, Paravia, 1897.

note




UniversitÓ degli Studi di Pavia
Dipartimento di Scienza della Letteratura e dell'Arte Medievale e Moderna
CIBIT